Benvenuto

Benvenuto su questo blog!

domenica 5 novembre 2017

Integrazioni al Messale Romano del 1962

Mi dicono che in Vaticano si stanno preparando nuovi testi da includere al Messale latino tradizionale (edizione 1962). I cattolici tradizionalisti non credano di avere integrazioni come quella da me sotto riportata!



2 commenti:

  1. Che dire, se sarà la Chiesa di questi tempi a voler modificare il Messale del '62, allora anche quello perderà la sua ortodossia.
    Tra l'altro, già il Messale del '62 è problematico: per restare in tema col post, omettendo le altre copiose questioni, cito solo la preghiera per i Giudei e l'assurdo titolo dell'altra preghiera "pro unitate Ecclesiae" nella liturgia del Santo Venerdì.
    Il rito latino nella sua integrità e ortodossia è quello del '52.

    A tal proposito, ho sentito più volte affermare da alcuni tradizionalisti che gli Ortodossi riconoscerebbero come ultimo Messale cattolico valido quello del '52, anche se due miei amici preti ortodossi (uno russo e uno greco) affermano che anche quello del '62 è secondo loro valido (ambedue negano validità a quello del '69, ovviamente). Dalle sue conoscenze Lei cosa può dirmi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono dell'avviso che in effetti il Missale Romanum del 1962 avesse già delle premesse per tutto quello che poi seguì, ossia si dimostrò che si poteva intervenire nel canone romano, fino a poco prima considerato intangibile e si poteva ammorbidire certe espressioni ritenute poco gentili (è la visione umanista che inizia a prevalere su quella esigente e spirituale).
      Le edizioni precedenti hanno almeno il pregio di essere più coerenti ma anche lì si deve considerare bene la cosa.
      Certo è che la liturgia non ha solo la sua parte materiale (un certo corpus di preghiere) per cui può essere considerata più o meno antica ma ha uno spirito da esse espresso. Ed è certo che le riforme dopo il 1962 veicolano un altro spirito o quanto meno tendono a farlo, nonostante qualche liturgista affermi che materialmente il rito possa assomigliare di più alla messa di Gregorio Magno. Il fatto è che con le riforme posteriori e soprattutto con la prassi stessa questo Messale ha finito di essere un rito. Ma questo i liturgisti attuali non lo dicono...

      Elimina

Si prega di fare commenti appropriati al tema. Ogni commento irrispettoso o fuori tema non verrà pubblicato.